kkl quello su cui non giurerei...: intanto aspetto che finisca di piovere sole

sabato 22 agosto 2009

intanto aspetto che finisca di piovere sole

non riesco a parlare più con la gente qua
ho perduto davvero la voglia ,io che l'ho tanto amata
adesso parlo di piu con la gente fuori da qua
io che l'ho detestata davvero
non sempre è piacevole e quando non lo è non nascondo il disagio che mi si procura.
questo è altro su cui non giurerei
e questo è questo momento che mi attraversa
cerco ,sempre con più fatica di decontestualizzarmi fino in fondo
e permettermi di specchiarmi in questo spazio elettrico freddo e cosi ,spero misterioso, del web,per correggere il tiro, la gittata ,quella nota mancante della perfetta melodia sognata e dimenticata al suono della sveglia.
ci dev'essere,da quache parte, in qualcuno
un nuovo battito,una nuova musica, che mi riporti ,mio malgrado
a trattenere ancora in respiro , e a desiderare che il vecchio dell'orologio si prenda una sbornia colossale ...
regalando a quelli, sotto la piazza, un tic, in più.
c'è tempo, canta fossati...
ecco, un uomo(un altro) che mente sapendo di farlo.

5 commenti:

Laura ha detto...

Devo leggere e leggere ancora quello che hai scritto, anche se so che non lo afferrerò mai totalmente... Arriverà quel nuovo battito, quella nuova musica, se lo desideri davvero.

(Te lo dice una pessimista doc che ha scoperto di avere slanci improvvisi di ottimismo doc).

libero ha detto...

ecco...se lo desidero davvero.

zero in-coscienza ha detto...

Non c'entra niente con l'atmosfera del post però m'è venuto in mente: Fossati è l'unico cantautore italiano ascoltato in Spagna e mandato nelle radio locali, affare che risulta alquanto strano visto che le italiche glorie canore all'estero si limitano a nomi quali: Tiziano ferro, Laura pausini e Eros Ramazzoti..

cumino ha detto...

Mi sono fermata a leggere le cose intense che scrivi, te lo dico anche se forsi non ami questo tipo di "riconoscimenti". Però trovavo giusto fartelo sapere.

libero ha detto...

se cercassi riconoscimenti scriverei forse di più, forse altrove, e magari fallirei nel modo più banale conosciuto.
se si sente intensità è cosa mia, chè di invenzioni non ce ne sono
allora va bene cosi, prendo appunti che col tempo perderebbero i lineamenti ,i contorni ambientali e spesso significativi di ciò che al netto della tara risulterebbe di ordinaria ammministrazione, quando ordinaria pero ha il colore della straordinarietà di ogni giorno ,sempre diverso , vissuto, regalato, se ci pensi ,mai rubato.
no, non amo i riconoscimenti ,ma gli occhi si.
ciao ciao cumino